+39 0963 374061 •
  Home -  Blog  -  CalabriaGo

Vacanze in Calabria Pasqua 2016: tradizioni e folklore

Pubblicato in CalabriaGo

Img la-settimana-santa-di-nocera-terinese-e-il-rito-secolare-dei-vattienti-638x425

Trascorrere una vacanza in Calabria a Pasqua è un’ottima occasione per scoprire il lato originale e genuino di questa magica Terra.

Scegliendo una casa vacanza avrai l’opportunità di assistere a manifestazioni folkloristiche e significative commemorazioni di grande impatto emotivo che rievocano la Passione e la morte di Cristo. Infatti la Pasqua è per i turisti in Calabria uno degli eventi più sentiti dell’anno: praticamente ovunque, in montagna così come lungo le coste Ionica e Tirrenica, vengono allestite rievocazioni a tema sacro, veglie di preghiera e processioni.

Tra le svariate manifestazioni religiose emerge l’autoflagellazione dei ‘‘vattienti’’ in Nocera Terinese, piccolo borgo in provincia di Catanzaro. Durante questo antichissimo rito, le cui prime testimonianze storiche risalgono al 1618, alcuni fedeli si battono le gambe lasciate scoperte da pantaloncini corti, con un attrezzo di sughero in cui sono fissati 13 pezzetti di vetro fino a provocarsi il sanguinamento delle gambe. Proprio per la sua spettacolarizzazione, il rito attrae moltissime persone, anche fuori dalla regione, turisti che ogni anno scelgono la comodità della casa vacanza per trascorrere e celebrare le festività Pasquali in Calabria.

Cortei tradizionali che sfilano di giorno e di notte con la presenza di statue processionali, si svolgono a Briatico, Pizzo, Cerchiante della Calabria, Soriano, Reggio Calabria e Vibo Valentia dove si inscena la cerimonia nota “Affruntata” che rievoca l’incontro tra San Giovanni Battista e la Madonna. Mentre ha una forte connotazione Catalana il rito Pasquale celebrato nello spettacolare scenario del centro storico di Stilo, annoverato tra i ‘’borghi più belli d’Italia’’; qui la settimana Santa vede un susseguirsi di cerimonie e processioni, come quella delle ‘’gucciadate’’ o quella del Cristo morto nel lenzuolo che si svolgono, rispettivamente, la mattina e la sera del Sabato Santo.

Comune denominatore delle sacre Pasquali sono le musiche e i canti popolari di forte impatto (come i ‘’chianti di Maria’’ del paese di Decollatura, a Catanzaro) e la presenza di strumenti musicali di origine popolare realizzati in legno, come le ‘’buccine’’ e le ‘’troccole’’.

Una vacanza in Calabria a Pasqua ti permette di aprire le porte alla Magna Grecia: una visita a Crotone, Locri, Sibari, Vibo Valentia sarà sufficiente per scoprire alcune delle preziose testimonianze archeologiche più significative del Sud d’Italia, come i Bronzi di Riace, attualmente conservati a Palazzo Campanella, a Reggio Calabria.

Se dopo le tue vacanze Pasquali in Calabria avrai voglia di sole e mare, inizia già da ora a scegliere una casa vacanza a Tropea o a Vibo Valentia e una delle tante spiagge Calabresi consigliate.

Sei un proprietario? Pubblica su CalabriaGo!

Pubblica la tua struttura a soli 2 euro al mese!