+39 0963 374061 •
  Home -  Blog  -  Link e Info utili

PARCO NAZIONALE DELL’ASPROMONTE

Pubblicato in Link e Info utili

     Il massiccio montuoso dell’Aspromonte, formatosi in epoca più remota rispetto alla dorsale appenninica e le cui vette sfiorano i 2000 m, occupa il lembo estremo meridionale della nostra penisola, in provincia di Reggio Calabria. Ha la forma di un cono vulcanico, solcato da profode e ripide valli. Il Parco Nazionale dell’Aspromonte, tra il Tirreno e lo Jonio, esprime un contrasto sublime tra la montagna aspra e selvaggia e il mare dolce che la circonda. Le fiumare, corsi d’acqua alimentati dalle precipitazioni, hanno una capacità di erosione imponente; il loro percorso è breve e la pendenza è forte: sprofondano nel cuore delle valli e dei burroni e ne plasmano le forme, dal di dentro. Estremamente affascinante è la fiumara Amendolea che scorre dalle gole dell’interno fino al mare e muta il suo corso continuamente. Lunghe e spettacolari le cascate: le più note sono quelle di Forgiarelle sul torrente Ferraina, e quelle di Maesano sul torrente Menta. Singolari le composizioni rocciose che emergono dai boschi, come la Pietra di Febo nella cosiddetta Zona dei Monumenti. 

     Il viaggio in Aspromonte può iniziare da Pentedattilo, borgo incantato incastonato sulla pendici di una montagna, che ricorda la forma di una mano aperta. Questo borgo, ormai disabitato, può essere considerato l’ingresso dell’area grecanica. Da Pentedattilo arriviamo a San Pantaleo, Gallicianò, Bova, Palizzi e Staiti, solo per citarne alcuni.

     Tra vasti boschi e una rigogliosa macchia mediterranea assistiamo allo spettacolo della migrazione primaverile di cicogne, falchi pecchiaioli, aquile, nibbi, poiane, gheppi, cicogne e grifoni. Attraversiamo paesaggi unici, fatti di fiumare e giardini di bergamotti e ulivi, pascoli sterminati e verdi valli, piccoli borghi che conservano tradizioni secolari e comunità che parlano una lingua tramandata per secoli oralmente e risalente ai tempi della Magna Grecia. Il pittore Edward Lear nel 1847 fece un viaggio in Calabria, a piedi, in compagnia di una guida e di un asino per il trasporto dei bagagli: attraversò le montagne dell’Aspromonte e scrisse Diario di un viaggio a piedi

 

www.parcoaspromonte.gov.it

http://www.cammini.eu/viaggi/trekking-asini-sentiero-inglese-calabria

 

 

 

 

 

  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75
  • Img Abete-bianco_1-59x75

Sei un proprietario? Pubblica su CalabriaGo!

Pubblica la tua struttura a soli 2 euro al mese!