+39 0963 374061 •
  Home -  Blog  -  CalabriaGo

La Sila, un luogo da scoprire e da vivere!

Pubblicato in CalabriaGo

Img parco_sila

Oggi vi portiamo nel cuore della Calabria centro-settentrionale e più precisamente nella Sila. L’altopiano ha un’estensione di 150.000 ettari nelle province di Catanzaro, Cosenza e Crotone. Si divide in Sila Grande, Sila Piccola e Sila Greca.

Il nome "Sila" deriva dalla denominazione di epoca romana Silva Brutia, ossia selva, foresta dei Bruzi, gli abitanti del luogo.

E’ tra i primi cinque parchi nazionali nati in Italia e il primo in Calabria. La Sila è una riserva naturalistica ricca di tesori paesaggistici di ogni tipo! La prima cosa che ci viene in mente quando pensiamo a questo luogo sono le nevicate, ma anche e soprattutto i caratteristici lupi. Non vanno dimenticati i caratteristici laghi Cecita, Arvo, Ampollino e Ariamacina.

Il territorio del Parco è attraversato anche da diversi fiumi, tra cui il Crati, il Neto, il Savuto, il Trionto.

Le prime tracce della presenza dell’uomo in Sila risalgono addirittura all’homo erectus (circa 700.000 anni fa) e sono state riscontrate sulle rive del lago Arvo. Altre testimonianze riguardano l’uomo di Neandertal. Facendo un salto in avanti nella storia, ricordiamo che i Romani si interessarono alla Sila per la ricchezza di legname, anche pregiato, utilizzato per la costruzione delle navi e l’estrazione della pece.

La Sila ha un grande patrimonio floristico e faunistico. Vi sono oltre 900 specie di fiori e piante: la Soldanella calabrese e la Luzula Calabra, l’acero, la valeriana, il sambuco, la malva. Nel bosco silano troviamo inoltre una grande varietà di alberi come il faggio, l’abete bianco, il pino laricio, una variante del pino nero, specie nordica arrivata sulle montagne meridionali durante le glaciazioni.

Nel sottobosco troviamo invece molti esemplari di felce aquilina ed arbusti come la rosa canina. Nelle zone più umide invece una felce particolare, la Bechnun spicant, ed il lampone.

La fauna presente in Sila è quella tipica degli Appennini: Il lupo, specie protetta dal 1976 perché a rischio di estinzione anche se grazie all’istituzione del Parco nazionale della Calabria si è assistito ad un ripopolamento; nel Parco troviamo inoltre la volpe, il tasso, la donnola, la puzzola, il ghiro, il cervo, la poiana, il gufo reale, il barbagianni, le anatre.

Quando si parla di Sila non possiamo non pensare inoltre ai prodotti tipici, vere e proprie eccellenze enogastronomiche da conoscere e gustare: il Caciocavallo silano D.O.P., la Patata della Sila I.G.P. il Pecorino della Sila.

La Sila non è però un parco da conoscere soltanto, ma da vivere! Infatti, vi consigliamo di dedicare un po’ di tempo alle escursioni trekking, oppure ad escursioni a cavallo presso i numerosi maneggi situati all’interno del Parco, escursioni in mountain bike, torrentismo e molte altre attività che è possibile intraprendere. Ovviamente non potete non considerare l’opportunità di praticare sci di fondo e discesa presso le piste di Camigliatello Silano o al Villaggio Palumbo di Lorica!

Vi aspettiamo in Sila per respirare aria pulita, rilassarvi, stare a contatto con la natura e godere delle infinite meraviglie che troverete nel Parco! #VisitSila

Sei un proprietario? Pubblica su CalabriaGo!

Pubblica la tua struttura a soli 2 euro al mese!