+39 0963 374061 •
  Home -  Blog  -  CalabriaGo

A Catanzaro Lido il mosaico più lungo al mondo!

Pubblicato in CalabriaGo

Img 10488122_802542913127769_9045844661331123894_n

Catanzaro è uno dei luoghi che riserva numerose sorprese per le interessanti attrazioni turistiche, la storia e l'enogastronomia.

Proprio in vista dell'accoglienza turistica e per i cittadini che vogliono vivere questo centro calabrese, l'amministrazione comunale in collaborazione con Atelier Mendini, ha voluto regalare un'opera che è entrata nel guinness dei primati: un mosaico lungo 1800 metri con tessere in vetro nella parte interna del muro che costeggia il bellissimo lungomare.
Proprio il lungomare è uno dei luoghi più amati e non solo dalla gente locale. Può quindi considerarsi una delle attrazioni turistiche a Catanzaro da ammirare insieme al panorama prospiciente del mar Ionio e alla riqualificazione urbanistica che ha visto l'installazione di una nuova illuminazione e la sistemazione di piante, alberi ornamentali e zone verdi dove trovare un'oasi di relax.

Cosa fare e vedere a Catanzaro
Chi non conosce la città si chiederà cosa fare e vedere a Catanzaro e quali sono le cose più interessanti da tenere presente per entrare nell'atmosfera accogliente che questo vivace centro calabrese.
Se si sceglie di arrivare in macchina la prima cosa che sorprende è il Ponte o Viadotto Morandi, dal nome dell'architetto che lo progettò negli anni '60, a una sola campata ad arco, che è uno fra i più alti d'Europa.
Non lontano si trova il Parco della Biodiversità Mediterranea, che si sviluppa su circa 60 ettari di terreno ed è dedicato alla natura, alla flora e alla fauna, ma anche all'arte e ai musei, che qui hanno trovato una collocazione ideale.
Il parco ha preso vita nel 2004 e accoglie più di 50 mila piante, ma anche uccelli salvati dal Centro Recupero Animali Selvatici che qui ha la sua sede. Si possono ammirare gheppi, civette, aquile, pappagalli, un grifone, le gru, i falchi e molti altri rapaci che qui ritrovano l' habitat più congeniale. Ci sono aree ludiche, il trenino per visitare il parco e angoli dove organizzare feste, incontri, rappresentazioni teatrali all'aperto: tutto nel cuore della città.
Il Duomo nell'omonima piazza è tra i luoghi da visitare per la sua imponenza e bellezza. Risale al dodicesimo secolo, ma è stato più volte rimaneggiato, specie dopo il terremoto del 1783 e la II guerra mondiale durante i quali fu molto danneggiato. Il campanile è alto più di 40 metri.
Ha 3 grandi portoni d'entrata e una facciata in stile neoclassico. All'interno c'è la statua della Madonna degli angeli con Bambino del tardo '500 e un busto di San Vitaliano, il santo protettore a cui la città è profondamente devota e che si festeggia il 16 luglio.
La chiesa del Rosario si trova alle sue spalle e risale al 1499. Da vedere all'interno i dipinti a parete tra cui quello dedicato alla "Madonna della Purità" dell'artista Francesco Cassano.
Piazza Matteotti è il punto d'incontro dei catanzaresi che mescola uno stile moderno e antico. Da un lato c'è la fontana con il Monumento al cavatore, che omaggia l'impegno dei cittadini nel lavoro. Qui si trova anche la meridiana più grande d'Europa e la piazza si caratterizza per il fresco delle palme e i deliziosi arredi urbani con fioriere e panchine. Non lontano si trova il complesso monumentale di San Giovanni del '500 che fu costruito al di sopra del castello normanno dell’undicesimo secolo, sotto il regno di Roberto il Guiscardo.

Cosa vedere vicino a Catanzaro
Sapere cosa vedere vicino a Catanzaro è utile per andare alle radici della sua storia. A pochi km c'è il sito archeologico di Scolacium (123 a.C) immerso tra gli olivi. I resti sono dell'antica città di Skilletion e sono stati ricollocati presso il vicino museo. A Capo Colonna invece si trova l'unica colonna rimasta del tempio greco di Hera Lacinia e un altro grande e interessantissimo sito archeologico.
Soverato è la città di richiamo internazionale per il turismo, con stabilimenti, hotel e un mare cristallino.
Molto suggestivo anche il borgo di Badolato, con le sue case piccole e arroccate.
L'enogastronomia è quella che si rifà alla cucina povera di un tempo, ma estremamente gustosa: da non perdere ad agosto la sagra del "morzeddu", lo spezzatino piccantissimo che si mangia con la "pitta" (pane piatto tipico locale).
Per tutte le altre  informazioni turistiche a Catanzaro continua a seguire il nostro blog e se ritieni interessanti i nostri articoli condividili con i tuoi amici e i tuoi contatti!

Sei un proprietario? Pubblica su CalabriaGo!

Pubblica la tua struttura a soli 2 euro al mese!